Il Museo in diretta

Quattro incontri online, tra dicembre e gennaio, per condividere le diverse dimensioni che caratterizzano i Musei Civici di Modena: fra ricerca, crescita del patrimonio ed eventi

IL MUSEO IN DIRETTA. Conversazioni online sul Museo che non si ferma

I Musei Civici di Modena propongono una ulteriore iniziativa che accoglie la sfida della comunicazione a distanza per mantenere vivo il contatto coi visitatori grazie a finestre digitali aperte e accessibili, con modalità capaci di coinvolgere anche a un pubblico nuovo, che ha mostrato di apprezzare l’impegno a diffondere contenuti che raccontano quanto l’istituto è vivo e mantiene le sue funzioni.

Il primo appuntamento online è per venerdì 11 dicembre alle 18.30 in diretta streaming con "Ritorno dall'Argentina. La donazione Augusto Cesare Ferrari". L’incontro inaugura una nuova rassegna che i Musei civici di Modena hanno intitolato “Il Museo in diretta”: quattro incontri tra dicembre e gennaio in collegamento telematico per condividere le diverse dimensioni che caratterizzano i musei modenesi - fra ricerca, crescita del patrimonio ed eventi - in diretta a porte chiuse dalle sale museali, visibili liberamente su questo sito internet (www.museicivici.modena.it) e sulla pagina Facebook @museicivicimodena.

 

IL PROGRAMMA

Venerdì 11 dicembre ore 18.30 - Ritorno dall'Argentina. La donazione Augusto Cesare Ferrari

Dedicato al dono che il Museo ha ricevuto dagli eredi di Augusto Cesare Ferrari (1871-1970), artista poliedrico originario di S. Possidonio, formatosi a Torino alla prestigiosa Accademia Albertina e affermatosi in Argentina, dove si trasferì. Uomo colto, intraprendente e coraggioso, concepì notevoli imprese pittoriche e architettoniche. La famiglia - che in Argentina ha costituito la Fondazione Augusto e Léon Ferrari volta a tutelare la memoria del padre e del figlio, anch'egli artista di successo - dopo aver organizzato nel 2018 una mostra all'Accademia torinese, nel 2020 ha donato ai Civici un nucleo di opere rappresentativo della sua attività per legarne la memoria alla sua terra di origine. Al dialogo tra la direttrice Francesca Piccinini e Liliana Pittarello, curatrice della mostra su Ferrari a Torino, si unisce in diretta Paola Gribaudo, presidente dell’Accademia Albertina di Torino. Dall’estero ci saranno due contributi: della figlia dell’artista Susana Ferrari Ghioldi e di Julieta Zamorano Ferrari, pronipote di Augusto Ferrari, presidente della “Fundación Augusto y León Ferrari Arte y Acervo”.

 

Sabato 19 dicembre ore 18.30 - Archivial impulse or The Museum-Machine

Il secondo appuntamento in streaming corrisponde all'evento che, come di consueto, il Museo offre al pubblico in occasione delle festività natalizie. Presenta la fase conclusiva del progetto in progress che l’artista modenese Alice Padovani ha realizzato col Museo a partire dall’installazione realizzata al festivalfilosofia di settembre. Della grande opera effimera a pavimento rimangono i suggestivi disegni di Alice, che confluiscono ora in un libro d’artista che sarà disponibile al bookshop di Palazzo dei Musei in tiratura limitata di 100 copie (stampa Gruppo FG, Savignano sul Panaro). L’artista racconterà la propria esperienza durante una conversazione con Daniele Francesconi, direttore scientifico del festivalfilosofia, e le curatrici Cristina Stefani, Cristiana Zanasi, Serena Goldoni del Museo.

 

Giovedì 14 gennaio ore 18.30 - Da San Geminiano alla Cattedrale romanica

Appuntamento dedicato a un progetto di ricerca coordinato dal Museo per il sito Unesco di Modena, studio multidisciplinare delle fasi pre-lanfranchiane del Duomo, documentate da recenti indagini archeologiche.

 

Giovedì 21 gennaio ore 18.30 - Pantheon Atestinum. La chiesa di Sant'Agostino di Modena

Presenta un altro importante progetto di ricerca condotto dal Museo, lo studio della chiesa di sant’Agostino nella cultura estense del Seicento, e delle vicende storiche, artistiche, architettoniche, culturali ed editoriali ad essa connesse.

 

I Musei rimangono chiusi, è prorogata infatti fino al 15 gennaio 2021 la sospensione del servizio di apertura al pubblico, salvo ulteriori disposizioni governative.